Avanzate Lettera Ad Un'Amica On Tumblr Tumblr: Frasi, Citazioni E Aforismi, Frasi Tumblr

Tumblr: Frasi, Citazioni e Aforismi, Frasi Tumblr, Lettera ad un'amica on tumblr

Altre Gallerie Lettera Ad Un'Amica On Tumblr

Lettera Ad Un'Amica On Tumblr - Uomini, se studiando questa lettera, qualcuno è arrivato qui ai pensieri della tua vita, prendendo nota di un vecchio che l'ha vissuta, non aspettare troppo a lungo, non lasciarlo scoppiare, correre da loro ed essere contento come è facile avere tutte le ragazze di cui hai bisogno a 20 anni, ma sarà in grado di rimanere costantemente una. In nessun modo dare per scontato nessuno perché anche supponendo che sembri vivere nei tuoi stili di vita tutto il tempo aspettandoti, se ne andrà se non passerà più, sarà tra 10 anni. E ricordare, l'amore vero è un rifugio sicuro, ora non divertente con una ragazza straordinaria innamorata di te.

Ogni tanto ci sono persone che entrano nella tua vita e non fanno nulla comunque migliorarla, ti scambiano per il superiore, ti fanno crescere e tengono conto che in fondo, non siamo tutti identici, ti fanno ricordare il fatto che ci siano persone che sono in grado di sputarti in faccia e che, piuttosto, di solito si nasconde in un angolo, si rende invisibile.

Ho qualcuno del genere e giuro che non posso farne a meno. Considerando che l'ho incontrata, la mia esistenza non ha fatto altro che migliorare, siamo usciti ogni giorno, siamo andati al liceo insieme ... E ora? Ora che non la vedo da tre fottuti mesi, la passo sopra, la ometto, anche se comunichiamo, scriviamo, trascorriamo ore sul cellulare ... La ometto, a prescindere da tutto questo.

Caro ex amico simpatico, di tanto in tanto prevedo di pensare. Ogni tanto, sinceramente, mi siedo lì a cercare foto vintage. E in ognuno di voi si è trasformato in te. Al giorno d'oggi non siamo in istantanee insieme anche se è di gran lunga un selfie di gruppo. Ho semplicemente scoperto di non prestarci più attenzione, di non dare più peso al fatto che ormai non sei più nei miei stili di vita e che sei quasi un estraneo. A volte mi fermo a considerare quanto ci odiavamo all'inizio, quanto ci siamo avvicinati per una stupida domanda sentimentale - che considerandola ora, mi fa ridere - e abbiamo osservato anime uguali, menti unite attraverso le stesse paure, il stessa mente, obiettivi identici, pari speranze. Anche passare una giornata seduta sul divano con te mi è apparso l'aspetto più bello: io, tu, il resto del remoto internazionale. Ti ho controllato e mi è cambiato come guardarmi allo specchio e se a volte mi odiavo vedendo la mia immagine specchiata, con te non è mai passata. Ricordo i giorni trascorsi mangiando patatine fritte, guardando film con la pioggia all'aperto, le notti in bianco che ridevano dolcemente per non svegliare gli altri, i caffè e i tè senza sangue, i segreti più intimi insegnati in un sussurro, i giorni interi a scrivere a noi che ci dicono tutto senza che ci informi qualunque. In particolare ti prendo in considerazione mentre ricordi un angelo genitore, superato lì per rischio, che mi ha salvato frequentemente e poi ha cercato un'altra anima da custodire. Non dimentico bene i giorni trascorsi abbracciandomi forte e asciugandomi le lacrime, dicendomi che dalla vita avrei dovuto anticipare di più. E poi è successo che quel qualcosa in più, in silenzio, è arrivato a me. E ora non c'erano state lunghe telefonate con lo smartphone per chiedere consigli, non c'erano stati lunghi giorni sdraiati sul letto in cerca di motivi. Ormai non avevo qualcosa di cui lamentarmi e parlare troppo approssimativamente della mia felicità, mi sembrava quasi esigente ... Quindi abbiamo spento. Forse hai pensato che non avessi più bisogno di te, mentre dentro ero in modo così tipico che mi sentivo protetto. E quante cose ho visto cambiano nella tua esistenza, quante cose sono state salvate da me e che tipo di desiderio ho voluto valutare con te ogni piccolo piacere e ogni piccolo dolore. Ero il più vicino possibile, quanto mi hai permesso moltissimo, cosa mi era permesso. Non è mai apparso abbastanza e il posto vacante dentro di me, causato da te, è cresciuto di numero. ? vero: ho modificato un fattore, tant'è che non sono più riuscito a riconoscermi. Si è trasformato in un cambiamento doloroso, che nemmeno io ho ricevuto all'inizio e forse ti sei reso conto che ora non ero simile a prima. Immagino che tu possa riconoscermi, accettare la verità che sei cresciuto, che non sei più stata l'ingenua ragazza di quindici anni che hai riconosciuto. Ma non mi è più piaciuto, nonostante abbia tentato di spiegarmi. Comunque non avevo senza dubbio cambiato ... Sono sempre stato io. Quel sorridente, quello sognante, un po 'di disperazione, credulone, permaloso, amaro con tanta dolcezza ... Ho davvero capito cosa è cambiato in davvero degno di essere raccontato e cosa ora no, non che non ho accettato come vero con, è che ti vedevo uscire di tanto in tanto, così preso dai tuoi nuovi stili di vita, dalle tue nuove abitudini, dalle tue nuove amicizie, che avevo paura di annoiarti con le mie assurdità. E in questi giorni siamo qui: estranei che dicono hiya, che non hanno il coraggio di guardare gli occhi di tutti i diversi per più di quindici minuti. Comunque hai scoperto la tua nuova "metà di", hai rapidamente dimenticato i nostri momenti, la nostra amicizia. Io, ancora una volta, ora e ancora piango. Come oggi, ho iniziato a guardare i nostri scatti. Ogni tanto voglio comunque tornare indietro nel tempo e darti uno di quegli abbracci che mi hanno fatto sperimentare in casa, come se tutto fosse diventato soddisfacente. Volevo informarti di un aspetto più semplice: sono soddisfatto. Sì, forse non lo sai, o forse l'hai indovinato, ma le cose nei miei stili di vita sono piuttosto alte ... Mi ero abituato a non vederti seduto sul mio materasso con lo smartphone tra le braccia che rideva degli altri; mi ero abituato a non vedere le tue foto sciocche su whatsapp o le tue piacevoli minacce a fottermi se non avessi smesso di riversare i miei segni premestruali su di te ... Certo, mi ero abituato a stare con te. Ecco perché ora non voglio qualcuno che sia come te nella mia vita. Non voglio un altro amico. Ti ho desiderato. E mi dispiace per le persone che cercano di conquistare il mio cuore coronarico ... Volevo solo informarti che quel pezzo riservato all'amico del cuore è ancora tuo e che, indipendentemente da te, non mi ha mai dato cause e se ne è andato in breve, passi determinati e determinati, nonostante tutte le lacrime che ho versato sulla spalla del mio "extra dalla vita", posso sempre essere proprio qui ad anticipare il tuo messaggio con le parole "vengo da te, perdo interesse da solo" come quei pomeriggi una volta caddi subito nella residenza, perché non c'era un posto diverso in cui volevo essere. Proprio qui, semplicemente questo. Sono ancora qui a guardarti per dirmi che, nonostante tutto, sono il tuo amico eccezionale. E se un giorno avessi dovuto studiare queste frasi, ti prego di scrivermi più semplice nel caso in cui tu mi ometti anche un pezzo, solo nel caso tu abbia bisogno di riprenderti. In ogni altro caso, per favore continua a fingere che sia qualcosa come hai fatto fino ai giorni nostri ... Mi fa male meno del tuo "mi dispiace, le cose cambiano".