Genuino Lettera Ad Un Amico Volato In Cielo Lettere, "TITANO" / TIZIANO DG

Lettere,

Altre Gallerie Lettera Ad Un Amico Volato In Cielo

Genuino Lettera Ad Un Amico Volato In Cielo Lettere, "TITANO" / TIZIANO DG - Poi ho acceso una lampada prima della fotografia di gesù crocifisso e ho pregato in silenzio: ho commesso il mio pensiero di offrire a tiziano che era volato in cielo, durante la settimana santa, santificato con l'aiuto del martirio della sofferenza e di un calvario prolungato e più angosciato di quello sofferto per mezzo di nostro signore.

Ho riacquistato la mia religione per alcuni anni, tuttavia conservo lo spirito vitale del passato: sono sicuro che tiziano (e tutti gli altri "nostri" figli che ci hanno lasciato quest'anno) desiderano più volentieri i nostri sorrisi che li deliberano, non delle nostre lacrime; del nostro amore, come se fossero proprio qui e potremmo voler includerli ancora, non la mancanza di un tocco fisico che sentiamo noi terribili mortali; e delle nostre preghiere, perché sono i loro pasti.

Accetta come vero con me, sono certamente danneggiato dal dolore e sono onesto, trovo difficile prendere in considerazione di tornare in reparto. Allo stesso tempo penso che, se avessi controllato di offrirgli alcuni momenti di serenità e per quello che lui e anche tu mi hai dato, nella sua chiamata e per i bambini che come lui se ne sono andati da tempo, dovrei scoprire la forza di mantenere prova a trasmettere un secondo di piacere, perché quel dipartimento, purtroppo, non sarà affatto vuoto!.

E che cosa circa il pomeriggio quando abbiamo messo in scena il circo, quando le piccole sedie all'interno del porticato erano state coperte per fingere la corda degli artisti del trapezio? Era una magia naturale! Una risata di prim'ordine nata da piccole cose: piccole sedie, piccoli giocattoli che erano stati posizionati nel mezzo per renderlo più difficile da aggirare (scommessa chi l'ha inventato? Tiziano, di rotta, che di solito desiderava aggiungere il suo contatto non pubblico ai giochi che ho proposto), la musica da circo fatta con la bocca e grandi abbracci agli artisti senza paura del trapezio che hanno concluso il viaggio dannoso facendo un salto nei miei palmi che li sostenevano. Ah, che bel ricordo, ogni volta che vedo quel pomeriggio il mio cuore coronarico si scalda!.

Il messaggio straziante e straziante che la sconfitta definitiva di tiziano per me nella faccia della contaminazione e della lotta mi ha comunicato mi ha disincantato in una quantità tale che, per alcuni momenti, non ho capito cosa avrei potuto desiderare di aver realizzato o idea.